×

Sottostazione di Steinen

Per l’elettrificazione della linea del San Gottardo, all’inizio del 20° secolo le FFS fecero costruire sia sul lato nord che sul lato sud una centrale elettrica e cinque sottostazioni in tutto. L’azienda antenata di ABB, Brown Boveri & Cie. (BBC), ebbe una grossa parte nell’impresa: essa fornì diversi componenti per gli impianti. Una delle sottostazioni si trovava a Steinen.

×

Altdorf

La stazione di cambio centrale della ferrovia del San Gottardo era a Flüelen. In quella cittadina arrivavano i battelli passeggeri provenienti da Lucerna. Per meglio favorire gli spostamenti, nel 1906 fu aperta una linea tramviaria tra Altdorf, il capoluogo del cantone di Uri, e Flüelen. I componenti elettrici delle carrozze (tipo Ce 2/2) erano forniti dalla società elettrica Alioth AG, il cui stabilimento fu venduto alla BBC nel 1912. L’azienda venne riconvertita nel 1951. Da allora produce essenzialmente autobus.

Tram davanti al monumento di Guglielmo Tell, 1915 circa
Tram davanti al monumento di Guglielmo Tell, 1915 circa

Tram davanti al monumento di Guglielmo Tell, 1915 circa

Tram davanti al monumento di Guglielmo Tell, 1915 circa
×

Centrale elettrica di Amsteg

Nel 1916, le FFS decisero di alimentare la linea del San Gottardo con la corrente proveniente dalle centrali elettriche di Amsteg e Ritom. La centrale elettrica di Amsteg entrò in servizio nel 1922. Nata come centrale elettrica per l’alimentazione della ferrovia, riuscì poi, grazie a una stazione di trasformatori, a generare energia in eccesso da fornire all’industria. BBC fornì componenti fondamentali quali trasformatori o generatori.

Vista panoramica, 1923

Vista panoramica, 1923

Generatore trifase di BBC, 1923

Generatore trifase di BBC, 1923

Trasformatore trifase di BBC, 1923

Trasformatore trifase di BBC, 1923

×

Sottostazione di Göschenen

Per l’elettrificazione della linea del San Gottardo, all’inizio del 20° secolo le FFS fecero costruire sia sul lato nord che sul lato sud una centrale elettrica e cinque sottostazioni in tutto. Maschinenfabrik Oerlikon (MFO), acquisita da BBC nel 1967, fornì i trasformatori per la sottostazione di Göschenen.

Vista esterna, 1921

Vista esterna, 1921

Trasformatore prodotto da MFO, 1921

Trasformatore prodotto da MFO, 1921

×

Centrale del Ritom

Nel 1916, le FFS decisero di alimentare la linea del San Gottardo con la corrente proveniente dalle centrali elettriche di Amsteg e del Ritom. Per la centrale del Ritom presso Piotta venne chiuso il Lago Ritom quale venne utilizzato come lage artificale. Il servizio iniziò nel 1920. Questa centrale costituì un punto di riferimento per la costruzione di centrali successive in Svizzera. Essa alimentava tutta la linea elettrificata del Gottardo, prima che venisse completata la centrale di Amsteg. La centrale del Ritom presso la stazione Ambri-Piotta forniva corrente a 15 000 V direttamente alla linea aerea. Inoltre, forniva corrente a 60 000 V alle cinque sottostazioni, nelle quali l’energia elettrica veniva riconvertita alla tensione di esercizio. BBC fornì componenti fondamentali per la centrale, quali generatori, regolatori, trasformatori e relè. Inoltre, BBC utilizzò un sistema di distribuzione automatica in parallelo dotato di sincronoscopio in modo da sincronizzare i generatori (in particolare dopo un corto circuito) e accoppiarli con quelli di altre centrali. Le condizioni di esercizio nelle centrali erano particolarmente impegnative. Infatti, i generatori erano soggetti notevoli variazioni di carico e nel contempo dovevano garantire la massima continuità di alimentazione.

Mezzi-statori di un generatore monofase nelle officine BBC di Baden, 1919

Mezzi-statori di un generatore monofase nelle officine BBC di Baden, 1919

Fase di montaggio di un generatore monofase c.a. A sinistra il generatore finito, a destra la turbina con il coperchio dell’alloggiamento aperto, 1919

Fase di montaggio di un generatore monofase c.a. A sinistra il generatore finito, a destra la turbina con il coperchio dell’alloggiamento aperto, 1919

Interno della sala macchine, 1921

Interno della sala macchine, 1921

Edifici della centrale elettrica, 1926

Edifici della centrale elettrica, 1926

Lago del Ritom e relativa chiusa, 1926

Lago del Ritom e relativa chiusa, 1926

×

La centrale di Giornico

Per l’elettrificazione della linea del San Gottardo, all’inizio del 20° secolo le FFS fecero costruire sia sul lato nord che sul lato sud una centrale elettrica e cinque sottostazioni in tutto. La sottostazione di Giornico venne completata nel 1921. BBC costruì e installò i trasformatori.

Una locomotiva a vapore trasporta un trasformatore da 5000 kVA alla sottostazione, 1920 circa

Una locomotiva a vapore trasporta un trasformatore da 5000 kVA alla sottostazione, 1920 circa

La sottostazione di Giornico, sullo sfondo le chiese di San Nicola e San Michele, 1920

La sottostazione di Giornico, sullo sfondo le chiese di San Nicola e San Michele, 1920

Trasformatore con relativo carrello del peso totale di 35 tonnellate issato fino al vano trasformatori, 1920 circa

Trasformatore con relativo carrello del peso totale di 35 tonnellate issato fino al vano trasformatori, 1920 circa

×

Lugano

Nel 1895, BBC fornì gli impianti elettrici per la prima linea elettrificata a corrente alternata del mondo: le Tramvie Elettriche Luganesi (TEL). I quattro tram di tipo TEL Ce 1/2 erano azionati da corrente alternata a 400 V. Nel 1910, la linea venne incrementata a 1000 V, ma di corrente continua. Il parco mezzi comprendeva 12 tram di tipo TEL Ce 2/2, la cui riconversione elettrica venne affidata a BBC. Il servizio terminò nel 1959. I tram vennero sostituiti dai filobus. Venne mantenuto l’uso della rete elettrica esistente. I componenti principali furono forniti dall’azienda elettrica Alioth AG, poi acquisita da BBC nel 1912. Gli impianti elettrici dei filobus furono forniti da Société Anonyme des Ateliers de Sécheron (SAAS), poi assorbita da BBC, e successivamente da BBC ed ABB.

Tram a Lugano, 1895

Tram a Lugano, 1895

Tram a Lugano, 1895

Tram a Lugano, 1895

Centrale di trasformazione, 1918

Centrale di trasformazione, 1918

×

Sottostazione di Melide

Per l’elettrificazione della linea del San Gottardo, all’inizio del 20° secolo le FFS fecero costruire sia sul lato nord che sul lato sud una centrale elettrica e cinque sottostazioni in tutto. BBC fornì due trasformatori per la sottostazione di Melide.

Rimozione di un trasformatore dal suo vano, 1923

Rimozione di un trasformatore dal suo vano, 1923

Vista esterna, 1942

Vista esterna, 1942

×

Elettrificazione della rete ferroviaria svizzera

Nel 1913, le FFS decisero di elettrificare la linea del San Gottardo. Vennero messe in servizio quattro locomotive di prova. BBC e Maschinenfabrik Oerlikon (MFO) fornirono gli impianti elettrici. La scarsità di carbone durante la prima guerra mondiale confermò la bontà della scelta delle FFS. Seguì la costruzione delle centrali elettriche di Amsteg e del Ritom e la produzione in serie di locomotive elettrice. L’elettrificazione della linea del San Gottardo era un progetto prototipo. Dopo il completamento della prima tratta, Erstfeld-Bellinzona, le FFS continuarono a elettrificare sempre più tratte della rete ferroviaria svizzera, prima la tratta Lucerna-Chiasso poi la Zurigo-Basilea. Nel 1960, le FFS avevano elettrificato l’intera rete ferroviaria. BBC e MFO ebbero una parte importante in questa impresa, fornendo componenti per le linee di alimentazione aeree, le centrali elettriche e il materiale rotabile. Nel 1967, BBC acquisì MFO.

Locomotive di tipo Ce 6/8 I (sinistra) e Be 4/6 (destra) alla stazione di Erstfeld, 1921
Locomotive di tipo Ce 6/8 I (sinistra) e Be 4/6 (destra) alla stazione di Erstfeld, 1921

Locomotive di tipo Ce 6/8 I (sinistra) e Be 4/6 (destra) alla stazione di Erstfeld, 1921

Locomotive di tipo Ce 6/8 I (sinistra) e Be 4/6 (destra) alla stazione di Erstfeld, 1921
×

Galleria di base

Per la nuova galleria di base del San Gottardo ABB ha fornito i componenti per l’approvvigionamento elettrico e la ventilazione. Informazioni dettagliate http://new.abb.com/ch/it/gottardo2016

×

Materiale rotabile

BBC e Maschinenfabrik Oerlikon (MFO), azienda acquisita da BBC nel 1967, si occuparono fin dall’inizio anche della produzione di componenti per le locomotive elettrice. La Schweizerische Lokomotiv- und Maschinenfabrik (SLM) produceva le parti meccaniche, mentre BBC e MFO si occupavano degli impiantì elettrici. Nel 1917, le FFS ordinarono quattro locomotive prototipo, due presso BBC e due presso MFO. In seguito, ne vennero prodotte sempre di nuove, in parte destinate proprio alla linea del San Gottardo. Con un clic sul collegamento corrispondente riportato qui sotto si possono visualizzare le tre locomotive: la Be 4/6, la prima locomotiva elettrica costruita in serie per il servizio sulla linea del San Gottardo, la leggendaria Ce 6/8 II (detta «Coccodrillo») e l’ultima locomotiva universale di produzione svizzera, la Re 460 (detta «Lok 2000»).

Locomotiva Be 4/6, 1921 circa

Locomotiva Be 4/6, 1921 circa

Locomotiva Ce 6/8 II («Coccodrillo»), 1921 circa

Locomotiva Ce 6/8 II («Coccodrillo»), 1921 circa

Locomotiva Re 460 («Lok 2000»), 1995 circa

Locomotiva Re 460 («Lok 2000»), 1995 circa

×

Innovazione: il regolatore di tensione a settori

L’illuminazione delle carrozze ferroviarie oggi sembra una cosa semplice e scontata, ma all’inizio del 20° secolo rappresentava un problema di non facile soluzione. La corrente da trazione non era adatta per le lampade. Per questo vennero utilizzati generatori di corrente continua caricati dal moto delle ruote. C’erano poi anche altri problemi, come le variazioni di tensione dovute alle accelerazioni e alle frenate nonché il caricamento della batteria che doveva intervenire a treno fermo. Ma un’eccezionale scoperta di BBC spazzò via tutti i problemi: il costruttore Heinrich Güttinger sviluppò il regolatore di tensione a settori. Questo regolatore era in grado di «regolare» sia i picchi che i cali di tensione e di aprire e chiudere il generatore al momento giusto. Si racconta che Güttinger ebbe «l’illuminazione» durante una passeggiata una domenica mattina del maggio 1907. Ben presto fu chiaro che il regolatore non andava bene solo per l’illuminazione delle carrozze dei treni. Si apriva a un’ampia gamma di altre applicazioni, come la regolazione dei generatori delle centrali elettriche e l’impiego in sottostazioni, nell’industria, sulle navi e perfino lungo le ferrovie. Senza regolatore veloce l’elettrificazione del Gottardo sarebbe stata impensabile. Il prodotto si rivelò decisivo per il decollo di Brown Boveri. Nel 1963, BBC produsse il 100 000° regolatore di tensione veloce sistema Güttinger. Negli anni Settanta l’avvento della moderna elettronica decretò il tramonto di questo apparato.

I moderni regolatori veloci a contatti volventi di Brown Boveri, 1944 circa
I moderni regolatori veloci a contatti volventi di Brown Boveri, 1944 circa

I moderni regolatori veloci a contatti volventi di Brown Boveri, 1944 circa

I moderni regolatori veloci a contatti volventi di Brown Boveri, 1944 circa
×

Ferrovia della Schöllenen

Dal 1917, la ferrovia della Schöllenen univa Andermatt a Göschenen e quindi la ferrovia del Furka-Oberalp (FOB) con la ferrovia del San Gottardo. I 3,75 chilometri della linea erano elettrificati fin dall’inizio (1200 V di corrente continua). BBC elettrificò le quattro motrici e installò la linea aerea di alimentazione. La corrente era fornita dalla centrale di Arniberg presso Amsteg, per la costruzione della quale BBC aveva fornito componenti essenziali quali generatori, stabilizzatori e impianti di pompaggio. Negli anni 1939/40, la ferrovia della Schöllenen venne riconvertita a 11 000 V di c.a. BBC agì come azienda capofila per la costruzione delle tre nuove motrici tipo BCFe 2/4 e ne curò inoltre l’elettrificazione.

La linea che attraversa le gole della Schöllenen, in primo piano il Ponte del diavolo, 1926

La linea che attraversa le gole della Schöllenen, in primo piano il Ponte del diavolo, 1926

Locomotiva all’uscita della galleria, 1917

Locomotiva all’uscita della galleria, 1917

Trasduttori, trasformatori e quadro elettrico della centrale di Göschenen, 1917

Trasduttori, trasformatori e quadro elettrico della centrale di Göschenen, 1917

×

Galleria del San Gottardo

BBC si occupava non solo della produzione di locomotive e costruzione delle centrali elettriche per il San Gottardo, ma installava altresì le linee di alimentazione aeree, anche nella galleria. Il primo elettrotreno attraversò la galleria il 1° luglio 1920. Insieme alle locomotive elettrice transitavano ancora le locomotive a vapore. La conseguenza fu che gli isolatori delle linee aeree si arrugginirono pesantemente e poterono essere usati solo a metà tensione. Con la cessazione del servizio a vapore sulla linea Erstfeld-Bellinzona nel maggio 1921 il problema si terminò.

×

Galleria di base

Per la nuova galleria di base del San Gottardo ABB ha fornito i componenti per l’approvvigionamento elettrico e la ventilazione. Informazioni dettagliate http://new.abb.com/ch/it/gottardo2016